Asset Publisher

null Il Garante dei disabili alla conferenza per l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità

Dal 25/06/2018 al 25/06/2018

Il Garante dei disabili alla conferenza per l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità

Il Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità, Giuseppe Tulipani, ha partecipato a Bologna alla terza Conferenza della Regione Emilia Romagna per l’ “Inclusione Lavorativa delle Persone con Disabilità”. Sia nell’ambito della discussione della seconda Sessione che negli interventi conclusivi della Conferenza, il Garante è intervenuto avanzando alcune proposte nel campo dell’inclusione lavorativa e nel settore sanitario tanto da essere state apprezzate dal prof. Patrizio Bianchi, assessore alla scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro della Regione Emilia Romagna e Coordinatore delle politiche europee in ambito della Conferenza delle Regioni che le ha richiamate nelle sue conclusioni.
Un argomento del Garante è stato teso a sollecitare la Regione Emilia Romagna a seguire l'esempio della Puglia: “è giunta l'ora per la Regione come l'Emilia Romagna, considerata un riferimento nazionale sui temi della disabilità - ha detto Tulipani – di eleggere il proprio Garante delle Persone con Disabilità”.
All’invito del Garante pugliese non è mancata una nota del portavoce nazionale del Movimento 5 Stelle Marco Campanini che si è così espresso. “E' un onore aver avuto l'opportunità di conoscere il Garante delle persone con disabilità della Regione Puglia, Pino Tulipani una persona dalla straordinaria umanità che vive quotidianamente la disabilità - ha proseguito Campanini. La figura del garante regionale si è sviluppata esclusivamente al sud: Sicilia, Puglia e Campania sono state le prime a dotarsene. Nelle Regioni del nord non è prevista la figura del Garante regionale, le sue funzioni, in minima parte sono svolte dalla difesa civica regionale, istituto dal quale, il garante delle persone con disabilità è stato mutuato. La necessità però di una figura specifica è ancora la soluzione migliore ai tanti problemi e alle tante risposte che le persone con disabilità e familiari non trovano, nonostante una normativa avanzata. Ben vengano quindi le persone come Pino Tulipani, garanti, con quel quid, che conoscono direttamente la disabilità, perché la vivono quotidianamente sulle loro spalle”./comunicato